PENSIONI, QUANTO COSTANO! E COSTERANNO SEMPRE PIÙ.

La proiezione sul Fondo lavoratori dipendenti (45% della spesa previdenziale totale).


Le adesioni inferiori alle aspettative per le nuove pensioni anticipate non deve trarre in inganno. La spesa previdenziale nei prossimi anni è destinata a crescere. Le poche adesioni a quota 100 non cambiano/eranno le prospettive. La spesa è destinata a crescere. Le proiezioni, considerando carriere lavorative costanti e un pieno effetto contributivo non sono positive in termini di spesa.
Il Fondo lavoratori dipendenti paga oggi 8,6 milioni di pensioni. Tra vent'anni saranno 9,3 milioni. Oggi l'importo medio è di 14.700 euro per un totale di spesa intorno ai 143 miliardi di euro. Nel 2046 il valore medio delle pensioni (valore nominale) sarà di 44.950 euro con un tasso di sostituzione tra ultimo stipendio e pensioni del 60%. La spesa crescerà nelle prossime due decadi e solo in parte è attenuata dalle riforme Amato (1992) e Fornero (2011). Nel 2040 spenderemo per pensioni circa il 20% del Pil in un paese che avrà 5 milioni in più di over65 e 5 milioni in meno di persone in età lavorativa. Un'altra causa di incremento della spesa previdenziale nei prossimi 20 anni è costituita dalla quiescenza alla quale accederanno i figli del boom demografico degli anni '70. Tutte proiezioni che non tengono conto degli effetti in prospettiva della già citata quota 100 e della possibile "quota 41".






Scarica il documento



  
Elenco NewsCalendario Iniziative  Inizio Paginas
Home Page