LA CISL CUNEESE GUARDA CON REALISMO AL FUTURO

Furlan (segr. gen. Cisl): "Servono parole di verità e guardare in faccia la realtà"
Olocco (segr. gen. Fnp Cisl Cuneo): "I pensionati non sono tutti uguali e senza una seria riforma fiscale tante iniquità non verranno corrette!"


Il Centro Incontro della Provincia gremito in ogni ordine di posti. L'assemblea di delegati ed attivisti della Cisl (tanti i pensionati presenti) è stata occasione per ragionare sull'accordo appena sottoscritto con il Governo con prospettiva 2018. Un accordo che ai pensionati non offre molto ma ha il grande merito di lasciare aperto un canale di confronto con il Governo. Una condizione non poi scontata soltanto due anni fa. Nel suo intervento Anna Maria Furlan ha parlato dei pensionati confermando l'impegno del Governo dal 2019 di tornare al meccanismo perequativo più favorevole (quello della Legge 388/2000) e poi ha guardato a due grandi sfide che riguardano direttamente la nostra categoria: la separazione di previdenza da assistenza (apposita commissione verrà istituita) e poi la definizione di un paniere ad hoc per calcolare il reale aumento del costo della vita per la categoria dei pensionati. Oggi, l'inflazione con la quale si perequano le pensioni si calcola su un paniere di beni che solo in parte sono riferibili ai pensionati.
Rinaldo Olocco, il nostro segretario generale, prendendo la parola ha ribadito come "i pensionati non siano tutti uguali e come permanga nel nostro paese una forte iniquità di trattamento. Ci sono pensionati che in un solo anno di pensione si sono ripagati tutti i contributi versati nella loro vita lavorativa. E non è giusto! Per essere sostenibile il sistema deve funzionare diversamente. La mia pensione deve essere proporzionale ai contributi versati".
La mattinata era stata aperta dal segretario generale della Cisl cuneese, Massimiliano Campana il quale, dopo una puntuale ed attenta disamina sui dati e sulle prospettive del nostro territorio ha evidenziato come serva una seria e profonda riforma fiscale. Un tema ripreso nel suo intervento anche da Olocco.
Infine, sul tema dell'accordo con il Governo e rispetto alle scelte della Cgil di ricorrere alla piazza netto il pensiero della Furlan: "Mi hanno sempre insegnato che quando si ottiene qualcosa si porta a casa il risultato. Se ragioniamo con i desiderata illudiamo la gente, servono parole di verità e serve fare il sindacato non il movimento o qualcosa del genere. Noi siamo un sindacato e per noi conta portare a casa dei risultati concreti per lavoratori e pensionati. Rimandare tutto, andare in mare aperto, senza sapere tra un anno con quale Governo ci saremmo dovuti confrontare era da irresponsabili".
Tra gli ospiti il padrone di casa Federico Borgna, presidente della Provincia e Sindaco di Cuneo, il quale, portando i saluti ha ricordato come "al sistema Enti Locali dal 2012 lo Stato abbia tagliato 13 miliardi di euro ed a Cuneo 12 milioni di cui 5,5 abbiamo deciso di recuperarli attraverso la fiscalità locale. Ma anche in queste stagioni di estrema difficoltà non abbiamo mai tolto un centesimo al sociale".






  
Elenco NewsCalendario Iniziative  Inizio Paginas
Home Page